Skip to Content

Premio Michetti 2016

Premio Michetti 2016: Oltre, nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità

Sabato 23 luglio alle ore 19.00 verrà inaugurata presso il Museo di Palazzo San Domenico in Francavilla al mare la LXVII edizione del “Premio Michetti” : “ Oltre, nel cosmo, nell’incognito degli universi e dello spaziotempo della contemporaneità” a cura del prof. Luciano Caramel.

La mostra del tutto nuova per contenuti e impostazione e quindi di rilevante interesse è ispirata alle teorie della fisica contemporanea, dai suddetti “Quanti” alle odierne onde gravitazionali, e punta sulla presentazione di lavori artistici ad essa connesse nelle direzioni più diverse, in un fertile rapporto interdisciplinare dell’arte con la scienza, spesso nelle stesse direzioni, seppur con metodologie diverse e anche complementari, in genere poco considerate dalla critica.

Gli artisti invitati sono stati scelti dal prof. Luciano Caramel insieme ad alcuni colleghi ( Kevin Mcmanus, Paolo Bolpagni, Elena Di Raddo, Emma Zanella, Anna D’Ambrosio).

Artisti che partecipano al Premio Michetti 2016 :
Francesco Arecco, Aris, Renato Calaj, Domenico Carella, Enrico Cazzaniga, Sonya Clark, Francesco De Prezzo, Bruno Di Bello, Nicola Evangelisti, Raul Gabriel, Cesare Galluzzo, Albano Morandi, Marica Moro, Giancarlo Norese, Mattia Novello, Giovanni Padovese, Piero Paladini, Lorena Pedemonte Tarodo, Francesco Pedrini, Alice Pedroletti, Gian Paolo Roffi, Alessandro Rosa, Giovanni Sabatini, Valdi Spagnulo, Dora Tass e August Muth, Alessandro Traina, Davide Tranchina, Maria Wasilewska.

“Urban Raimbow” è la mostra evento di Franco Summa presentata dal Prof. Enrico Crispolti allestita negli spazi di Palazzo San Domenico.

Verrà presentata anche la mostra del Restauro del patrimonio della Fondazione Michetti , eseguito dalla Accademia delle Belle Arti di L’Aquila, sotto la guida della prof.ssa Grazia De Cesare.

Il prof. Paolo Matthiae commemorerà l’archeologo di Palmira Khaled Al Asaad.

Mostra Urban Rainbow: Omaggio a Franco Summa

Il 23 luglio, alle ore 19.00, in occasione dell’apertura del “Premio Michetti 2016”, verrà inaugurato presso il Museo della Fondazione Michetti di Francavilla al Mare, palazzo San Domenico, un “Omaggio a Franco Summa” che la Fondazione Michetti ha voluto dedicargli: la mostra “Urban Rainbow”.

 

Railway Rainbow PPPCaposcuola e massimo esponente dell’Arte Urbana, Summa è stato, tra l’altro, invitato tre volte alla Biennale di Venezia (1976 – 1978 – 2011) due volte alla Triennale di Milano (1980 – 2009) ed ha presentato i suoi lavori di Arte Ambientale a Roma, Parigi, San Paolo del Brasile, Vienna, Regensburg, Milano, Kassel.

La mostra omaggio voluta dalla Fondazione Michetti ripercorre le tappe fondamentali del percorso artistico dell’artista, dalla metà degli anni Sessanta ad oggi, tramite una ricca selezione di opere, Monumenti urbani e domestici. Un universo popolato di segni, simboli, forme archetipiche; attraversato dall’Arcobaleno culturale, la doppia serie dei dodici colori timbrici, squillanti, compatti, emotivi, divenuto cifra stilistica della sua arte.

La ricerca visiva di Summa opera interamente e compiutamente nello spazio urbano e sociale: nutrendosi dell’esigenza di rispondere al problema morale, etico, sociale, estetico, della riqualificazione dell’immagine della città, pone in rapporto “poetico” l’uomo con l’ambiente che egli abita: la città, la casa. A tal fine, Summa ha compiuto la “somma” di tutte le arti e discipline: architettura, pittura, poesia, design, scultura, filosofia, storia, fotografia, performance.

 

Urban Rainbow al Museo Michetti      Un Arcobaleno in fondo alla via

 

“Urban Rainbow” è una occasione straordinaria per ripercorrere la sua arte, unitamente alla presentazione dell’ultimo libro d’autore di Franco Summa, “Arte Urbana”, edito da Carsa Edizioni, che sarà disponibile in mostra.

La mostra gode dell’introduzione critica dello storico dell’arte Enrico Crispolti, che segue Summa fin dai primi anni Settanta, della cura dei percorsi critici e della comunicazione di Silvia Moretta e  della cura per l’allestimento dell’artista e architetto Mariano Moroni; sarà visitabile fino al 24 settembre, con apertura quotidiana dalle 18 alle 23.

Porta de 8 "Omaggio a Franco Summa"

Elenco artisti partecipanti alla 67a edizione del Premio Michetti

Gli artisti partecipanti all’evento:

  • Francesco Arecco
  • Aris
  • Renato Calaj
  • Domenico Carella
  • Enrico Cazzaniga
  • Sonya Clark
  • Francesco De Prezzo
  • Bruno Di Bello
  • Nicola Evangelisti
  • Raul Gabriel
  • Cesare Galluzzo
  • Albano Morandi
  • Marica Moro
  • Giancarlo Norese
  • Mattia Novello
  • Giovanni Padovese
  • Piero Paladini
  • Lorena Pedemonte Tarodo
  • Francesco Pedrini
  • Alice Pedroletti
  • Gian Paolo Roffi
  • Alessandro Rosa
  • Giovanni Sabatini
  • Valdi Spagnulo
  • Dora Tass e August Muth
  • Alessandro Traina
  • Davide Tranchina
  • Maria Wasilewska

Premio Michetti e altre inaugurazioni del 2 Agosto 2015

Domenica, 2 agosto 2015, alle ore 19.00, presso il Museo di Palazzo San Domenico in Francavilla al mare, verranno inaugurate:

  • la 66a edizione del “Premio Michetti”: “Rivelazioni ­Arte contemporanea dalle collezioni del Premio Michetti
  • la Mostra omaggio a Gaetano Memmo, presentata da Carlo Fabrizio Carli
  • le Opere di Emilio Sobrero a cura di Giovanni Benedicenti
  • la Rassegna degli “Ex –libris” del primo novecento di Giuseppe Cauti
  • la mostra del restauro del Patrimonio della Fondazione, eseguito dalla Accademia delle Belle Arti di L’Aquila, sotto la guida della prof.ssa Grazia De Cesare.

 

Mostra omaggio a Gaetano Memmo, presentata da Carlo Fabrizio Carli

Ricordo di Gaetano Memmo

Carlo Fabrizio Carli

532

(Interno -esterno)

Dell’ultrasessantennale attività artistica di Gaetano Memmo, che ha comprensibilmente avuto un suo sviluppo interno e ha quindi conosciuto momenti e interessi (anche tematici) diversi, ci si è impegnati di offrire, in questa rassegna, una scelta di opere esemplari e indicative a ricostruirne il lungo itinerario. Impegno non facile, se si tengono presenti i limiti forzatamente contenuti di una mostra omaggio (una ventina di opere) e la reperibilità nell’ambito di un diffuso collezionismo, che era transitato a lungo anche attraverso gallerie importanti e non locali, come la veronese Ghelfi. Read more

Rassegna di “Ex-libris” del primo novecento di Giuseppe Cauti

IL COLLEZIONISTA E IO

Ex Libris Gagliardo

liberamente ispirato a “Borges e io” – da “L’Antologia personale di Jorge Luis Borges” – Longanesi & C. Milano 1967.

Costretti in un assemblaggio, che è una vera e propria duplicazione, dividiamo lo stesso effimero involucro, il Collezionista e io.

Esercito io, quale ingegnere, con divertita solerzia, obbligate cavillazioni, negli alterni ruoli di CTP e CTU (consulente tecnico di parte o d’Ufficio, nei Tribunali); accetto, con dissimulata ironia, l’umiliazione, il tedio, l’inganno del quotidiano; amo, con diversi gradi di saltuaria felicità/infelicità, i nipotini, i figli, la moglie, il Dio che (poco) conosco, Cervantes, Borges, Bulgakov, Tolkien, gli anni che passano, i pochi amici, taluni modi e luoghi di vita.

L’Altro, il Collezionista di ex libris, nutre imbarazzanti abitudini: stratifica sulla mia scrivania lettere, plichi, appunti, cataloghi, album, propone – addirittura per iscritto – a distinti e meritevoli medici, pensionati, dirigenti d’azienda, nobiluomini, madri di famiglia, scambi  incomprensibili (tre galanti primo Novecento per un Bayros, cinque Chisciotte calcografici per un Vannuccini Usa anni Cinquanta, un Valentini alla pari con un Brunowski, un Missieri per due d’après, beninteso di qualità!), collaziona, con disdicevole noncuranza, liste di ex libris erotici ed infine, insopportabilmente, decanta, con eccessivo maniacale trasporto, in ogni occasione, la sua collezione di ex libris italiani del Primo Novecento. Read more